A seguire trovate alcune delle newsletter inviate nel passato.
Se desiderate ricevere le nostre newsletter basta compilare il modulo di iscrizione:ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Laboratorio Albaro è sempre attento alle innovazioni e quindi alcuni dei contenuti  potrebbero essere superati (altre metodiche, nuovi apparecchiature ...)
Buona lettura

Prevenzione: Linfodrenaggio

fotografia lettino massaggi laboratorio albaro genova

LINFEDEMA TERAPIA E TRATTAMENTO SECONDO IL METODO DEL DR. VODDER

Definizione  di linfedema
Il linfedema è una condizione clinica caratterizzata da un enorme ed esagerato  accumulo/ristagno di linfa nei tessuti
Il linfedema, tipico degli arti inferiori o superiori, è l'immediata conseguenza di un blocco o di una compromissione del sistema linfatico
In base alle cause scatenanti  abbiamo distinto il linfedema in primario e secondario

linfedemi primari sono quelli caratterizzati da alterazioni costituzionali del sistema linfatico. Il danno è congenito, presenta cioè delle alterazioni di base, come ad esempio un numero ridotto di linfonodi o di vasi linfatici. Il gonfiore può presentarsi anche molti anni dopo la nascita (si definisce linfedema precoce se compare prima dei 35 anni e tardivo se si manifesta dopo questa età). 
Il linfedema secondario quando le alterazioni del sistema linfatico sono dovute a danni acquisiti per varie cause: di origine post-traumatica, per infezioni, per interventi chirurgici, per patologie tumorali. 

Il linfedema origina sintomi caratteristici, quali edema e sensazione di pesantezza, tensione e indolenzimento dell'arto coinvolto. Oltre all'edema cronico, il paziente affetto da linfedema può lamentare altri sintomi, di seguito elencati

  • Alterazione della cromia della pelle. Lungo l'arto colpito,  non è raro osservare una variazione della cromia della cute: la pelle tende a scolorire e diviene lucida
  • Difficoltà di muovere o piegare l'arto colpito da linfedema
  • Ispessimento della pelle
  • Pelle fragile, suscettibile alle infezioni
  • Percezione costante di appesantimento e costrizione dell'arto affetto da linfedema
  • Prurito e tensione della pelle dell'arto coinvolto
  • Cura del linfedema

L'edema può essere molle quando la compressione digitale forma una fossetta (presenza solo di acqua), duro quando la stessa compressione non crea una fossetta evidente (presenza di acqua legata a proteine). Ogni edema tende, nel tempo ad aumentare la quota di proteine ed esso deve essere curato il più rapidamente possibile.
Il trattamento dell’edema, qualunque sia la causa, si basa sulla compressione (- manuale - elastica) proporzionale alla sua gravità da effettuare sull’arto malato.

Il linfodrenaggio manuale (LM) studiato ed applicato dal medico danese Emil Vodder è internazionalmete riconosciuto come il metodo più efficace contro edemi, stasi linfatiche.
Si tratta di un metodo  particolare in quanto il fisioterapista  esegue dei tocchi molto leggeri , armonicilenti e ritmici al fine di rispettare i parametri fisiologici del deflusso linfatico non  indurre stimoli che possano provocare spasmi dei vasi linfatici, e che hanno lo scopo di “incanalare” la linfa nella direzione di deflusso.
Importante ricordare che il LM esplica il suo effetto a livello dei tessuti superficiali (cute e sottocute) e non sulla fascia muscolare.
Il L.M., secondo Vodder, ha notevoli effetti. I più significativi sono:

    1. EFFETTO ANTIEDEMATOSO – il L.M. elimina le stasi di liquidi interstiziali, cause di gonfiori;
    2. EFFETTO CICATRIZZANTE – il L.M. favorisce il processo di cicatrizzazione in quanto la linfa fresca è ricca di cellule ricostruttrici;
    3. EFFETTO IMMUNIZZANTE – il L.M. favorisce l’aumento delle difese immunitarie attraverso il potere fagocitario della linfa;
    4. EFFETTO RIGENERANTE – il L.M. contribuisce a nutrire meglio i tessuti ed è in grado di restituire l’equilibrio idrico alle zone disidratate;
    5. EFFETTO RILASSANTE – il L.M., essendo molto lento e ritmato, produce un effetto rilassante sia sui singoli muscoli, sia sull’organismo in generale;
    6. EFFETTO STIMOLANTE A LIVELLO DELLA MICROCIRCOLAZIONE – la tecnica del L.M. stimola il passaggio della linfa nei vasi linfatici ed è in grado di aumentare la capacità contrattile di ogni vaso
Il trattamento elastocompressivo del linfedema  ha soprattutto l’importante funzione di monitoraggio.
Dopo le terapie di attacco il linfedema si mantiene sotto controllo utilizzando un bracciale o una calza elastocompressiva ed osservando alcune regole comportamentali.
vodderfootTuttavia ricordiamo che non esiste alcuna cura totalmente risolutiva per il linfedema. L’obiettivo della terapia e’ essenzialmente ridurre quanto possibile l’edema, migliorare sintomi e disturbi funzionali causati dall’occlusione linfatica

Per avere ulteriori informazioni o per prenotare una visita con il nostro Specialista presso il Laboratorio in Via Boselli, 30C potete chiamare il numero verde 800.060.383 oppure  010/3621769.

LABORATORIO ALBARO

Via P. Boselli, 30 C
16146 Genova
Telefono +
010.3621769

n.verde 800.060.383

SEDE Distaccata

Laboratorio Albaro Sport
Piazza H. Dunant 4/30
16146 Genova
Telefono +
010.3629031

CAMPO LIGURE

Punto prelievi e Ambulatori c/o

Il Centro Diagnostica e
Terapia Medica Il Centro Diagnostica e Terapia Medica
Via Vallecalda 45 - Campo Ligure
Telefono +
010.920924

NUOVO PUNTO PRELIEVI

Presso InMedica
Largo XII Ottobre, 62
16121 Genova
Telefono: 0105701818
Leggi tutto

LABORATORIO ALBARO EDUCATIONAL

LAeduCorsi di Aggiornamento

Progetto Albaro Educational

Questo sito utilizza cookie per ottimizzare il design e le prestazioni del nostro sito web. Utilizziamo anche cookies di terze parti che non possono comunque identificarti direttamente. Se vuoi saperne di più clicca sull'apposito pulsante per consultare la cookie policy. Scorrendo questa pagina, cliccando su Chiudi, su un link o proseguendo la navigazione si acconsente all’uso dei cookie.